L’adolescenza tra emozioni e sviluppo

le emozioni degli adolescenti | in salus lecco

Le emozioni degli adolescenti: come vengono gestiste


L’adolescenza è una normale fase dello sviluppo della persona. Una fase complessa, nella quale l’adolescente deve affrontare vari compiti evolutivi per continuare il percorso verso l’età adulta.
Questa fase della vita, però, spesso mette in difficoltà sia l’adolescente stesso che il mondo che lo circonda, in particolari gli adulti che gli sono vicini e vorrebbero (e dovrebbero) aiutarlo.
In particolari i ‘compiti’ che l’adolescente si trova ad affrontare possono essere riassunti in questi punti:
 
  1. integrare nella propria personalità le mutazioni corporee dovute alla pubertà;
  2. spostare il fulcro del proprio mondo dalla famiglia al gruppo dei pari;
  3. distanziarsi dai modelli famigliari proposti per trovare il proprio modo di essere, ed iniziare a conoscere ed esplorare le proprie propensioni e capacità.

Quali sono i cambiamenti dell’adolescenza?


L’adolescenza viene infatti innescata dallo sviluppo puberale, che porta un conseguente scombussolamento ormonale e fisico. Occorre infatti ricalibrare la propria immagine corporea, e l’intera identità, in seguito ai cambiamenti fisici che lo spurt puberale comporta. Tale processo di ridefinizione di sè, che parte dal corpo, non è semplice nè immediato.
Al cambiamento fisico, fa seguito anche il cambiamento dei punti di riferimento, che dall’interno della famiglia si spostano, quasi sempre, all’esterno. Gli amici, i pari, diventano i depositari della fiducia, e il metro di paragone e confronto, per capire cosa accade al corpo, e cosa all’interno della mente. Divengono compagni di viaggio, figure di riferimento, e soggetti di confronto e scontro.
Il modello famigliare proposto e assecondato finora diviene quindi obsoleto e da modificare. Si cercano nuovi spazi, nuove autonomie, nuove sfide ove mettersi alla prova per capire chi si è e quanto si vale, quali sono le proprie capacità.

Le emozioni fungono da segna pista


In questo processo di crescita, assolutamente fisiologico, le emozioni giocano un ruolo fondamentale, in quanto fungono da segna pista: indicano se la direzione che l’adolescente sta prendendo gli è adatta o meno. Una difficoltà dell’adolescente, però, è proprio quella di capire i segnali emotivi che vive nella quotidianità.
Tali segnali, veicolati a livello chimico da ormoni e neurotrasmettitori, sono anch’essi soggetti al cambiamento fisico in atto. Divengono più complessi, strutturati e a volte indecifrabili.
Per questo abbiamo pensato di dedicare tempo alla descrizione ed alla comprensione di questi processi psichici. Sia per aiutare gli adolescenti a fare chiarezza, sia per sostenere gli adulti che li circondano nel loro loro ruolo di sostegno e aiuto (a distanza).

Dott. Psicologo Donato Colombo