Perché ogni donna dovrebbe conoscere il proprio pavimento pelvico?

Pavimento Pelvico | insalus
Ogni donna dovrebbe conoscere il proprio pavimento pelvico, percepirlo, saperlo reclutare….
 

Ma che cos’è, dove si trova il pavimento pelvico?

Pensate alla parte che appoggia sul sellino della bicicletta: quello è il perineo ed è la parte più esterna di un complesso di muscoli che chiudono in basso il bacino e che si chiama pavimento pelvico.

Perché è importante?

Per lo stesso motivo per cui è importante un pavimento! Quello che si appoggia sopra, utero, vagina, retto, viene sostenuto, ma se non adeguatamente sostenuto, si verificano problemi di incontinenza delle urine, dei gas, delle feci, prolasso, dolore durante i rapporti. Peri-neos ci riporta al significato che davano i greci: “intorno al tempio” è il centro delle nostre emozioni, della femminilità , della sessualità , della nascita, si muove con il nostro respiro. Perciò prendersi cura di sé con la ginnastica perineale è importante in tutte le fasi della vita e a tutte le età.  

Riabilitazione perineale.

Perdere urina tossendo, starnutendo, saltando o ridendo, avere improrogabile urgenza, e non riuscire a trattenere, avvertire una sensazione di peso alla zona perineale, provare dolore durante i rapporti: tutti questi segnali sono sintomi di problemi noti come disfunzioni perineali. Problemi di cui si stima soffrano circa quattromilioni e mezzo di donne in Italia e che sono spesso negati o vissuti come difficoltà cui non c’è rimedio. Basti pensare a certi spot pubblicitari di protezioni per incontinenza secondo cui le disfunzioni perineali sono fisiologiche o comunque non suscettibili di cure. La soluzione invece c’è: la muscolatura pelvica è volontaria e in molti casi un allenamento che riporti tonicità e forza è la soluzione del problema. Perciò la riabilitazione perineale può rispondere in maniera efficace: essa si avvale di una serie di tecniche finalizzate a migliorare il tono e la resistenza della muscolatura del pavimento pelvico; si pone l’obiettivo di migliorare le “performances” perineali, così da consentire alla muscolatura di espletare correttamente le sue funzioni di sfintere e di sostegno. I percorsi di riabilitazione pelvica individuali, sono modulati sul caso e sul paziente. Una risposta efficace alle disfunzioni perineali è la ginnastica ipopressiva.  

Flavia Patruno