Allergie pediatriche e Covid-19 - In Salus - Centro Medico Polispecialistico di Lecco

Allergie pediatriche e Covid-19

allergie pediatriche e covid-19 raccomandazioni bambini e adolescenti allergici pandemia centro medico in salus lecco

Raccomandazioni per la gestione di bambini e adolescenti allergici in corso di pandemia da Covid-19

La pandemia da Covid 19 ha aumentato la preoccupazione di paziente e dei famigliari dei pazienti affetti da patologia cronica, soprattutto per  chi soffre di patologie respiratorie croniche o asma in quanto potrebbero rappresentare un fattore di rischio per l’insorgenza di una infezione da SARS-Co-v-2 più grave. 

 Per ora , visto che non sono ancora disponibili sufficienti evidenze scientifiche , ci sono delle raccomandazioni pratiche utili  per i bambini  allergici a scuola.

In via generale , in corso di pandemia da SArsCov-v2 , i soggetti allergici e asmatici non devono sospendere le terapie in atto, in modo da evitare le riacutizzazioni e le recidive. 

In caso di  : 

ALLERGIA ALIMENTARE 

con  reazione IgE mediata  immediata anche a piccole quantità di alimento allergizzante  :

  • Va garantita la prosecuzione di dieta con esclusione totale dell’alimento causa della allergia
  • Deve avere sempre  un piano terapeutico individuale  con il dosaggio aggiornato dei farmaci e la disponibilità di adrenalina con autoiniettore
  • In caso di reazione il personale formato è tenuto a somministrare la terapia della reazione allergica senza alcuna modifica anche in corso di infezione covid-19

DERMATITE ATOPICA

Nonostante il Covd-19 non penetra attraverso la pelle è ’importante mantenere una barriera cutanea integra per evitare  sovrainfezioni  : pertanto il trattamento topico e/o sistemico con corticosteroide  va mantenuto perché contribuisce a mantenere una cute integra.

Consigli   per un corretto lavaggio delle mani  : 

  • Evitare di lavare troppo frequentemente le mani con saponi più o meno aggressivi a base di alcol e cloro che impoveriscono gli strati protettivi della cute 
  • Limitare l’uso  di gel idroalcolici 
  • Lavarsi le mani con acqua e sapone o detergente oleoso ogni qualvolta sia necessario
  • Evitare di lavarsi le mani con acqua troppo calda, ma preferire acqua corrente tiepida
  • Evitare di mangiarsi le unghie e le pellicine poiché le ferite che si creano possono essere vie di accesso per virus e batteri
  • E’ sconsigliato portare le mani in bocca 
  • Applicare le creme idratanti in uso per mantenere la barriera cutanea dopo ogni lavaggio. I genitori le forniranno alla scuola 
  • Prima di indossare la mascherina , pulire bene la pelle del viso con un detergente oleoso specifico ed applicare la crema idratante in uso
  • Per coloro allergici al nichel , sono sconsigliate le mascherine con placca metallica per l’aderenza al naso
  • Utilizzare detergenti poco irritanti per la pulizia quotidiana degli ambienti , arieggiando l’aula quotidianamente per qualche ora ed evitare di fare le pulizie in presenza dei bambini

ORTICARIA 

La terapia con antiistaminico, o cortisonico sistemico , o farmaco biologico va proseguita senza nessuna modifica 

RINITE E CONGIUNTIVITE

I sintomi della congiuntivite con prurito oculare, lacrimazione e della rinite con naso chiuso, rinorrea, starnuti, tosse stizzosa affliggono i bambini allergici perché vanno distinti dai disturbi dell’infezione da Covid 19 sintomatico.  Per questo motivo è necessario che la terapia anti allergica venga proseguita anche negli orari scolastici con colliri e spray nasali consigliati . 

Si consiglia inoltre di soffiare il naso utilizzando fazzoletti usa e getta.

ASMA BRONCHIALE 

L’asma bronchiale caratterizzata da tosse secca, fiato corto, respiro sibilante va sempre trattata, mantenendo la terapia di fondo consigliata dallo specialista , indipendentemente dalla infezione virale.

E’ importante evitare le riacutizzazioni che potrebbero favorire sovra infezioni polmonari.

I pazienti con asma grave o non controllato, sono soggetti più fragili e quindi più a rischio di sviluppare Covid 19 più grave.

E’ indispensabile quindi ottenere il migliore controllo dell’asma proseguendo la terapia regolarmente , anche a scuola.

Non ci sono , ad oggi, evidenze che i farmaci per l’asma , possano sopprimere la risposta immunitaria o indurre un peggioramento  nel caso di una sovra infezione da Covid 19.

Viene consigliato di  utilizzare come via inalatoria per la terapia  le bombolette spray somministrate con distanziatore , evitando l’suo di nebulizzatori tipo areosol.  

Non si devono utilizzare  distanziatori e bombolette spray in condivisione con altri soggetti.

In caso di sintomatologia acuta a scuola,  il personale addetto e formato deve somministrare salbutamolo con bomboletta spray e distanziatore come prescritto dal piano terapeutico individuale del bambino, avendo l’accortezza di informare i genitori, soprattutto se necessita di frequenti somministrazioni.  Se l’episodio di dispnea  acuta peggiora , e la terapia con broncodilatatori  è inefficace contattare il numero di emergenza.

Visto che i sintomi della allergia sono simili a quelli dovuti alla infezione virale e anche da Covid 19,  ci possono essere degli indicatori che ci aiutano ad orientarci a porre una diagnosi di allergia o di infezione :

depone per una forma allergica la presenza prurito oculare, nasale e faringeo,   una tosse sibilante che migliora con i broncodilatatori,   sintomi che  si accentuano all’aria aperta e migliorano in casa (salvo in caso di allergia agli  acari e animali dove c’è un peggioramento al chiuso)  . Generalmente nel caso di una allergia ai pollini, i sintomi iniziano con l’impollinazione.

depone invece per una forma infettiva se presenza di  febbre , dolori diffusi, spossatezza, mal di testa, diarrea, vomito, alterazione dell’olfatto e del gusto, difficoltà respiratoria persistente , che non varia all’aperto e al chiuso,  o di  altri famigliari a stretto contatto , che hanno  gli stessi sintomi.

Bisogna comunque evidenziare che , in corso di pandemia, alcuni comportamenti adottati per la prevenzione al Covid 19, hanno determinato una riduzione dei sintomi allergici :

  • la  mascherina , all’aperto , ha esercitato un protezione verso l’allergia , in quanto le particelle del polline vengono intrappolate dal filtro

Il distanziamento tra i bimbi, li ha protetti dalle infezioni respiratorie che non aiutano il bambino allergico

Dott.ssa Donata Panzeri, Pediatra e Allergologa Pediatrica

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , ,