SI VA A NANNA ... riflessioni per tutti quelli che non riescono a dormire! - In Salus - Centro Medico Polispecialistico di Lecco

SI VA A NANNA … riflessioni per tutti quelli che non riescono a dormire!

nanna bambini cambio abitudini per coronavirus genitori quarantena in salus lecco

Nelle ultime settimane sono state tante le famiglie che si sono ritrovate con uno sconvolgimento nel sonno dei loro bambini.
Se fino a poco tempo fa tutto filava liscio, o quasi, IMPROVVISAMENTE alcuni piccoli e piccole hanno manifestato fatiche nell’addormentarsi, nell’andare nei loro lettini o nel rimanerci.

E IMPROVVISAMENTE anche i grandi si sono ritrovati affaticati!

“Avevamo fatto tanto per renderlo autonomo alla sera e ora sembra tutto andato perso!”

“Non so cosa fare: insisto o la accontento?! La messa a nanna è diventata un incubo per tutti!”

“Non capisco perchè tutto ad un tratto faccia così… io e mia moglie alla fine discutiamo perchè nessuno sa cosa fare, ma tutti vorremmo solo andare a letto tranquilli!”

 “Se cedo alle sue richieste, poi cosa succede?

Queste frasi raccontano bene la preoccupazione e la stanchezza, la rabbia e la frustrazione.
Emozioni NATURALI e “normali”: la sera e la notte sono momenti delicati, per tutti, e se vengono “sconvolti” ci mandano in crisi.

I consigli della psicologa su come affrontare la messa a letto dei bambini

Ma cosa fare in questi casi?
Tra oggi e domani intanto ci riflettiamo insieme e … vediamo come va !

 Per prima cosa … RASSICURIAMOCI!

– È comune che ci siano delle fasi di “confusione”:
soprattutto quando sono in corso dei cambiamenti più ampi, come quello che stiamo vivendo, può accadere che i bambini manifestino proprio nel sonno e nell’addormentamento qualche segnale di crisi.

Queste crisi sono, appunto, delle fasi: dobbiamo ricordarci che quello che stiamo vedendo non durerà per sempre, come ogni cosa ha un inizio ma anche una fine!

Le soluzioni esistono sempre: anche se ci sembra di non saper più che fare, esiste sempre un modo per stare anche nelle situazioni più scomode, attraversarle e superarle.

 In secondo luogo … PARTIAMO DA NOI PER TRASFORMARE LE COSE!

– I bambini respirano tutto!
Colgono le atmosfere che li circondano, le emozioni, le parole e anche le cose non dette. Molti di loro stanno sentendo le nostre ansie e tensioni e dunque, come gli animali, stanno allerta! Dormire è mollare, lasciarsi andare, abbandonarsi: come posso farlo se non sento attorno a me la giusta quiete?! Voi ci riuscireste?

– Osserviamoci e senza giudizio cogliamo se c’è qualcosa che possiamo fare di diverso per rendere più serene le nostre giornate e dunque le nostre notti!
Quali sono le nostre emozioni ricorrenti, come ci muoviamo nelle nostre giornate, quali discorsi facciamo, quali atteggiamenti alimentiamo?!

– Dunque … come sempre, prima di tentare di modificare qualcosa in un bambino, domandiamoci cosa possiamo modificare noi di noi stessi e dei nostri atteggiamenti e comportamenti !

“?? ???? ??? è ??? ????????? ?? ???? ???????????? ???? ????????,
?? ?? ???? ??????? ????? ???????.”

?????? ??????

L’Arte di CEDERE ?

Ci sono parole amate e accettate e parole che invece vengono bistrattate, che hanno una sorta di pregiudizio addosso: quella che ci guiderà oggi fa parte proprio del secondo gruppo, ma in essa c’è un potere fondamentale, tutto da recuperare!

La parola in questione è CEDERE!

Nella cultura e nella società in cui viviamo viene associata a fallimento, sconfitta e perdita.

Eppure appena la si pronuncia e si assapora davvero FA SCIOGLIERE LE SPALLE, MOLLARE I PESI e PRENDERE FIATO.

Questa parola ci suggerisce un modo di stare in campo nella vita in generale e con noi stessi.

Anche se ogni situazione è unica, come lo è ogni bambino e ogni adulto che se ne occupa, alcuni spunti possono tornare utili a tutti.

Cedere non significa farsi mettere i piedi in testa o non essere autorevoli.
Cedere non significa fare quello che vuole il bambino e nemmeno esserne tiranneggiati.

Significa al contrario prendere in mano la REGIA della situazione e scegliere la STRATEGIA migliore per i nostri figli ma anche e soprattutto per noi!

Cedere può significare comprendere che quello che stiamo vedendo non è un capriccio. Ma più probabilmente un BISOGNO e forse una paura.
Cedere significa renderci conto dei nostri LIMITI e delle energie che abbiamo a disposizione: non siamo super eroi e può succedere che in determinate circostanze sia necessario “arrendersi”, mollare un po’ per recuperare le forze!

Cedere allora significa rispondere ai bisogni dei bambini e ai NOSTRI, per far sì che poi si possa procedere oltre.
Cedere può voler dire tornare indietro di qualche passo rispetto ad alcune conquiste fatte, comprendendo che è l’unico modo per avanzare !
Cedere vuole dire non fare muro contro muro, non sfinirsi nella lotta, ma accorciare le fatiche, ridurre la tensione e diminuire ansia e frustrazione di tutti.

Non esiste una ricetta, ma ricordiamoci che le vie migliori verso ciò che desideriamo sono fatte anche di morbidezza e di “astuzia”.
Quella capacità di vedere oltre il singolo momento, (questti giorni, questa crisi, questa fatica!) e di guardare lontano, sapendo che ogni cosa cambia e muta in continuazione.

La fermezza allora andrà di pari passo con la dolcezza e forse tutti quanti ci addormenteremo meglio! 

???????? ?????? ???????? ? ??????? ?????? ?? ???? ??? ??????? ???????????,
?? ???? ?? ?????? ?? ???? ??? ?? ??? ??????????.

?????? ????????

Dott.ssa Monciotti Marta, psicologa e psicoterapeuta

Tags: , , , , , , , ,